Ritornando zona gialla dal 26 aprile, dopo mesi di chiusura,il turismo culturale, può ripartire grazie all’apertura in sicurezza, dei musei e delle eccellenze, dei migliori borghi dell’ Alto Lazio nella caratteristica Etruria-Tuscia Viterbese.

Aprono quindi, coaudiovati dal Coordinamento Museale dei Borghi dell’ Alto Lazio:
il Museo Taruffi di Bagnoregio,con moltissime auto e moto storiche esposte su oltre 1.000metri quadri, vicinissimo ad uno dei Borghi più belli e conosciuti a livello internazionale, Civita di Bagnoregio;

il MUVIS -Museo del Vino e delle Scienze Agroalimentari di Castiglione in Teverina,con le botti piu’ grandi d’ Europa (oltre 3 metri di diametro),realizzato nella storica cantina Vaselli di oltre 4.000 metri quadri su sei piani;

il Museo Laboratorio Didattico della Stampa di Montefiascone sul lago di Bolsena, ubicato nei locali che furono sede della Tipografia Silvio Pellico(già “del Seminario” – ininterrottamente attiva dal 1695) con esposte antiche macchine,caratteri e attrezzature tipografiche, il Museo Civico dell’ Agro Cimino, il Castello Orsini, il Palazzo Chigi Albani e la Faggeta, sito Unesco,di Soriano nel Cimino.

Continua la lettura di “Riaprono le eccellenze: musei, castelli, palazzi dei caratteristici borghi dell’alto Lazio” su “OnTuscia Quotidiano Viterbo e provincia”

Share This