NewTuscia – VITERBO – Alcuni giorni fa abbiamo letto con piacere dell’iniziativa partita da una sigla politica presente a Viterbo, il cui segretario ha inoltrato a tutti i membri del Consiglio Comunale di Viterbo una proposta di delibera rispetto al tema spinoso, e quanto mai attuale, del “regionalismo” (precisamente: dell’autonomia differenziata).

In quella lettera, spedita per posta certificata, si sollecitavano i politici che siedono in Comune, tutti, a esprimersi su questo tema. Dinanzi alla tragedia innescata dal Covid, qual è la loro posizione sul “regionalismo”? Che ne pensano del disastro di sanità e trasporti, della confusione dei livelli e dello scaricabarile fra Stato e Regioni? Che ne pensano delle modifiche alla Costituzione che verranno decise a breve a livello nazionale – modifiche che a nostro avviso andrebbero a peggiorare ancor più la situazione?

Finora non abbiamo letto nessuna presa di posizione pubblica, nessuna risposta a quel quesito. Non si è trovato niente sui siti di informazione, né sulla stampa locale. Nessun politico viterbese ha osato rispondere.

Si vuole far finta di niente?

Noi del Comitato di Viterbo per il NO all’Autonomia differenziata siamo preoccupati, e in quanto cittadini esigiamo chiarezza.

Invitiamo dunque ciascun membro del Consiglio Comunale ad essere chiaro su un quesito che ci riguarda tutti.

p. il Comitato per il NO all’autonomia differenziata – Viterbo

Barbara Cozzolino

L’articolo “Qual è la posizione del Comune di Viterbo in materia di autonomia differenziata?” proviene da .

Share This