Grande successo per il convegno sul tema “La Ferrovia trasversale Civitavecchia Ancona”.

Il convegno, tenutosi il 31 marzo 2021 in modalità webinar, ha registrato un successo senza precedenti.

Piena condivisione dell’obiettivo perseguito dal comitato per la riattivazione della ferrovia.

Dai rappresentanti della regione Lazio, dall’assessore per i Trasporti e per i Lavori pubblici Mauro Alessandri e dagli onorevoli Laura Cartaginese, Emiliano Minnucci, Enrico Panunzi, Devid Porrello, Marietta Tidei e da tanti altri consiglieri regionali non presenti perché impegnati nella riunione del consiglio regionale c’è stato il pieno appoggio e la conferma che il ripristino della Civitavecchia Capranica Orte è inserito nella programmazione degli investimenti infrastrutturali del Lazio.

Un successo conseguito grazie alla tenacia del comitato, ma anche e soprattutto perché è ormai accettata da tutti l’importanza strategica che la ferrovia Civitavecchia Capranica Orte presenta per molteplici aspetti positivi che meritano di essere valorizzati con un adeguato investimento economico.

Dalla auspicata maggiore connessione tra l’Adriatico e il Tirreno, utile alle merci e ai passeggeri di tutto il centro Italia, all’effetto rete che le linea compone automaticamente, incrociando 4 ferrovie già in esercizio, all’alleggerimento che produce al traffico di Roma Capitale, allo shift modale da gomma a ferro, auspicato dalla Unione Europea per abbattere le emissioni di anidride carbonica, alle maggiori opportunità di accesso per il turismo slow (e green) e per la mobilità dolce nella Tuscia, quest’ultima sottolineata dalla coordinatrice di Amodo, la senatrice Anna Donati, alla maggiore inclusione sociale dei territori del nord del Lazio, unitamente alla programmata fermata dei convogli Alta velocità ad Orte.

Il presidente del Censis Giuseppe De Rita ha sottolineato che occorre ora il contributo di potenti lobby, che indirizzino l’utilizzo della nuova infrastruttura fornendo una propria concreta visione strategico economica: sappiamo che queste lobby esistono e sappiamo che sono già all’opera, per comporre degli scenari utili allo sviluppo del territorio.

Ulteriori relazioni sono state svolte da Stefano Maggi presidente della Fondazione Cesare Pozzo e dal Pres di Trenitalia Michele Pompeo Meta. Ha partecipato anche il presidente dell’Autorità portuale del Mar Tirreno centro settentrionale Pino Musolino che per altri impegni ha dovuto lasciare la riunione non potendo svolgere la sua relazione.

Il convegno è iniziato con l’introduzione del presidente del comitato Raimondo Chiricozzi, la presentazione di Gianluca Di Lauro consigliere del comitato, il saluto del sindaco di Gallese Danilo Piersanti coordinatore per il comitato dei comuni della Tuscia . In viva voce tanti gli interventi, fra questi il presidente dell’Osservatorio regionale sui Trasporti Andrea Ricci, Giulio Della Rocca in collegamento dalla California, i consiglieri del comitato Dario Mazzalupi, Maurizio Mazzoni, gli esperti ferroviari e ingegneri Gabriele Bariletti, Sandro Cossetto, Alessandro D’Armini, Alessandro Di Macco, Marcello Luca, Claudio Marcelli, Marco Martens, Massimo Montebello.

Tante le comunicazioni scritte inviate. Citiamo solo alcuni per brevità Claudio Busonero, Marcello Mariani, Vincenzo Peparello, Mario Pietrangeli, Orreste Varone. Tra i presenti on line Lino Busà, Di Sano amministratore delegato della Cronos, Elisa Durantini segretaria Ust Cisl, Giulio Marini, il pro rettore dell’Unitus Alvaro Marucci, Stefano Mecali di Terra Tua, Marco Rossi della pro loco Gallese, Sergio Serpente vicepresidente del Cfft, il segretario provinciale Uil Giancarlo Turchetti e tanti altri.

Romolo Murolo ha comunicato l’invio di un documento specifico della direzione Commerciale di Mercitalia. Hanno inviato gli auguri di buon lavoro molti sindaci attraversati dalla Ferrovia da Civitavecchia ad Ancona; Christian Colaneri direttore commerciale Rfi. Tanti altri deputati e consiglieri regionali fra questi Marta Bonafoni, Raffaella Paita, presidente della commissione Trasporti della Camera dei deputati, il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani.

Sebbene con tantissimo ritardo, anche in Italia s’incomincia a capire l’importanza di trasferire la mobilità su treno – è stato detto dai rappresenti del comitato –. Per la ferrovia Civitavecchia-Orte si sono svolte riunioni a non finire, con ministri, vice ministri rappresentanti della Camera e del Senato. E ancora, si sono svolte manifestazioni, mostre e convegni. Aver mantenuto alto il dibattito è il merito che ci attribuiamo. Tanti politici e partiti diversi hanno assicurato il loro appoggio e i risultati si sono ottenuti. La testardaggine ci ha aiutato, il sogno piano piano si sta realizzando“.

Due i punti di svolta nella storia recente della ferrovia: ‘L’inserimento della Civitavecchia Capranica Orte nell’elenco delle ferrovie turistiche da recuperare (2017) e il progetto Italferr per la sua riapertura (finanziato anche dalla Ue), inserito nel piano per la mobilità della regione Lazio (2021). Il potenziale di questa ferrovia riguarda sia il traffico passeggeri che quello turistico e merci.

Il trasporto su treno a causa della pandemia e agli obblighi di distanziamento è in grave crisi, a tutto vantaggio delle automobili – ha detto la senatrice Anna Donati –. Ma noi dobbiamo continuare a lavorare per il futuro, per il dopo pandemia. L’Europa ci obbliga a ridurre del 50 % delle emissioni di anidride carbonica entro il 2030. Bene l’inserimento della Orte Capranica Civitavecchia nell’elenco delle ferrovie turistiche, ma abbiamo detto che non ci bastava e ci siamo battuti per un corridoio ferroviario intermodale, che collega i porti e che avrà anche una valenza turistica”.

Oltre al collegamento tra i due mari, è stato detto che la trasversale ferroviaria Civitavecchia Orte Ancona porterà tanti altri benefici, per esempio al traffico diretto verso la capitale. Ma in generale per tutto il sistema di trasporto.

Al termine dell’incontro tutti si sono impegnati a mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni per arrivare quanto prima alla riapertura della Civitavecchia Orte della ferrovia Civitavecchia Orte Ancona o Ferrovia dei due mari.

 

Raimondo Chiricozzi
Comitato per la riapertura della ferrovia Civitavecchia Capranica Orte

Share This