DA VISITARE NEI DINTORNI


Torre Alfìna


E’ un incantevole paesino medievale situato in cima ad una collina di origine vulcanica, dove si respira aria buona e pulita. L’imponente castello che sovrasta il borgo, conserva intatto il suo splendore grazie ad accurati lavori di restauro.

Al Castello di Torre Alfina si giunge solo attraverso una strada senza uscita e questo lo rende ancora più affascinante, col suo austero profilo che riporta ogni volta alla mente il suo tormentato passato. Baluardo di Carlo Magno prima e dei Monaldeschi poi, divenne marchesato nel 1881, quando venne acquistato dal marchese Edoardo Cahen. Nel 2009 è stato incluso nell’ elenco dei borghi più belli d’Italia.


Museo del fiore


Per le notizie sul Museo del fiore si rimanda al capitolo dell’area protetta “Riserva Naturale Regionale di Monte Rufeno”


Bolsena


Bolsena è una ridente cittadina che si affaccia sulle rive orientali del lago omonimo, sulla via Cassia a 100 Km a nord di Roma, in provincia di Viterbo. Un angolo d’Italia ricco di storia, di tradizioni e immerso in una natura rigogliosa e ancora in gran parte incontaminata, abitato da una popolazione cordiale e ospitale, tenacemente attaccata alle proprie tradizioni storiche e culturali. Suggestivo e ridente borgo medievale adagiato sulle propagini collinari dei monti Volsinii le sue origini risalgono al III sec. a. C, quando venne popolata dagli abitanti sfuggiti alla distruzione di Velzna, una tra le più importanti città etrusche dalla quale Bolsena ereditò anche il nome, che le fonti classiche ci hanno tramandato dalla forma latina Volsinii.

Il monumento più celebre di Bolsena è la Collegiata di S. Cristina, le cui forme attuali si riferiscono, in gran parte, agli interventi tardo quattrocenteschi favoriti dal card. Giovanni de’ Medici. L’edificio presenta l’originalità di accorpare quattro chiese di epoche diverse. La parte più antica è quella ricavata dal taglio della rupe tufacea per far posto ad un primitivo Oratorio intorno al sepolcro di S. Cristina. L’ambiente, poco più di una grotta, fu testimone nel 1263 del miracolo del Corpus Domini.


Civita di Bagnoregio


Storia, arte, cultura e tradizioni, sono i requisiti fondamentali di un territorio che sembra quasi essersi fermato in un passato ricco di avvenimenti.

Civita di Bagnoregio è un esempio di meraviglia unico nel suo genere.

Unita al mondo solo da un lungo e stretto ponte, la “Città che muore”, ormai da tempo così chiamata a causa dei lenti franamenti delle pareti di tufo, racchiude un ciuffo di case medioevali ed una popolazione di pochissime famiglie.

Appoggiata dolcemente su un cucuzzolo, la cittadina sovrasta imperiosamente l’immensa vallata sottostante, offrendo così al turista un incantevole e indimenticabile scenario.

Share This